• 9. Rigenerazione urbana e mobilità

    La necessità di tutelare il suolo produttivo, di ridurre il consumo di combustibili fossili e le emissioni di CO2, di adeguare sul piano sismico gli edifici, di assicurare nuovi spazi di socialità e integrazione rappresentano un potente motore per avviare una stagione di rigenerazione urbana e di vera e propria ricostruzione delle periferie. Questa grande opera diffusa si svilupperà sull’arco di decenni e avrà bisogno di una forte regìa pubblica.

    La nuova legge urbanistica regionale, così come i fondi strutturali europei e i piani nazionali avviati dal governo, daranno al Comune gli strumenti e le risorse per promuovere un processo che creerà occupazione e renderà più bella, più sicura e più vivibile la città.

    Per gli edifici comunali e pubblici si darà attuazione agli obiettivi del PAES (Piano di Azione per l’Energia Sostenibile). Per l’edilizia privata saranno attivate una serie integrata di misure quali esenzioni e sgravi su oneri di costruzione e urbanizzazione, incentivi, semplificazioni delle procedure, fondi di garanzia insieme ad una costante azione di informazione, formazione e accompagnamento con i proprietari, gli amministratori di condominio, i professionisti, le imprese costruttrici.

    Va inoltre applicato il principio europeo del saldo zero del consumo di suolo attraverso interventi compensativi di de-impermeabilizzazione e di demolizione di volumi incongrui al di fuori del perimetro urbano volti anche alla riqualificazione paesaggistica.

    La rigenerazione dovrà essere accompagnata da una rivoluzione della mobilità volta a raggiungere e superare gli obiettivi del Piano Regionale per la qualità dell’aria, rafforzando gli investimenti sul fronte della mobilità elettrica, sia pubblica che privata, attraverso una capillare infrastrutturazione di ricarica quanto più possibile integrata alla produzione fotovoltaica.

    Vanno sviluppate le piste ciclabili, dentro e fuori città, puntando alla sicurezza stradale e all’intermodalità treno, bus, bici con servizi cadenzati, bigliettazione unica, modalità di pagamento via app, potenziamento di car e bike-sharing e servizi a chiamata come il Pronto Bus.