• Renzi e la rottamazione che manca

    by  • 16/11/2014 • Politica nazionale, Sostenibilità e Green Economy, Suolo e Paesaggio

    Autostrada Bre-Be-Mi - E' da qui che passa lo "sviluppo"?

    Autostrada Bre-Be-Mi – E’ da qui che passa lo “sviluppo”?

    Ha ragione Renzi a prendersela (anche) con le Regioni e a dire che ci sono vent’anni di politica del territorio da rottamare. E ha fatto bene a istituire una unità di missione contro il dissesto idrogeologico mettendo a disposizione del programma #italiasicura 2 miliardi di euro. Ma se Renzi vuole essere coerente fino in fondo e dare davvero una svolta a favore dell’ambiente, del territorio e della stessa economia dovrebbe rottamare gran parte dello sblocca Italia. Non è certo promuovendo le trivellazioni e favorendo le solite lobby dei concessionari autostradali con progetti inutili e impattanti come l’autostrada Orte-Mestre che si tutela il territorio e si aiuta la ripresa economica.

    Sviluppo dell’industria petrolifera e costruzione di nuove autostrade sono l’espressione di un modello di sviluppo del secolo scorso che andava bene ai tempi di Mattei e di Agnelli, ai tempi della motorizzazione di massa, non certo all’inizio di questo millennio. Parafrasando lo stesso Renzi è come continuare a parlare di gettoni e mangia nastri all’epoca degli I-phone e delle smart-grid. Quel modello non funziona più, peggiora il nostro ambiente e territorio e soprattutto non porta più lavoro e ricchezza, se non per alcuni ristretti gruppi di potere che vivono da sempre di concessioni e appalti statali. E’ ciò che ha portato al dissesto idrogeologico ed economico il paese. E non può essere che si esca dalla crisi e dal dissesto riproponendo le stesse cose, le stesse ricette che li hanno prodotti.

    Renzi ha rottamato tante cose che andavano da tempo rottamate e ha messo in circolo nuove energie. Gliene va dato merito. Ma è ora che inizi anche a rottamare un modello di sviluppo obsoleto e perdente che nessun paese europeo si sogna più di seguire e di proporre come soluzione per uscire dalla crisi.

    Commenti

    commenti