Eventi, Parma, Politica nazionale

TODO CAMBIA: politica e partiti alla sfida decisiva

Incontro pubblico

Parma, Venerdì 29 giugno, 20.30 – Sala Righi, Via Baganza 9

Come saranno scelti i prossimi parlamentari? Come si combatte l’astensionismo? Come si risponde al grillismo, nella città in cui il Movimento 5 Stelle ha ottenuto la sua vittoria più importante? Sono sufficienti le riforme della politica che i partiti stanno cercando di operare su loro stessi, e basteranno a farli resistere all’ondata che rischia di travolgerli?

Che ne sarà, infine, del Pd e del suo progetto, basterà l’organizzazione di primarie aperte per la scelta del candidato premier per riportare nel bacino democratico quella partecipazione e quel senso di prospettiva che sembrava possibile quattro anni fa, quando il partito si presentò per la prima volta agli elettori? Insomma: le questioni sono tante, e il finale aperto, perché todo cambia, appunto, come nella canzone di Mercedes Sosa, e la politica non può restare uguale a se stessa.

Questi i temi su cui ci interrogheremo venerdì 29 giugno a partire dalle ore 20,30 nella Sala Righi della Craltep di Parma, in via Baganza 9/A.

A Nicola Dall’Olio, capogruppo PD nel Consiglio Comunale di Parma, già sfidante alle passate primarie cittadine per il candidato sindaco, il compito di fare gli onori di casa e di presentare questa serata organizzata da Prossima Italia, con Giuseppe Civati, consigliere regionale lombardo del Partito Democratico, i deputati Pd Salvatore Vassallo, Sandro Gozi e Sandra Zampa, Ivan Scalfarotto, vicepresidente del Pd, Roberto Balzani, sindaco di Forlì, e tanti altri.

Prossima Italia è un progetto dedicato all’attivismo e alla partecipazione politica, nato con lo scopo di organizzare eventi, strutturare e coordinare una rete nazionale di mobilitazione, promuovere discussioni, iniziative e campagne tematiche. Prossima Italia non è una corrente e non è un partito. E’ un movimento di persone che vogliono contribuire all’innovazione della politica, attraverso l’uso di mezzi, linguaggi e modelli di partecipazione nuovi.

Commenti

commenti